domenica 27 gennaio 2013

Perchè sono un Pirata!



Traduzione del post "Why I’m a Pirate!" 

http://ploum.net/post/im-a-pirate

Pirate

Cara industria del copyright,
 sono un pirata. Io sono il tipico utente che state combattendo. Sto scaricando tutto e non vi sto dando un solo centesimo. Non vado neanche ai concerti. Voi mi odiate e il sentimento è reciproco.

Quando ho scoperto Internet ad alta velocità, ero un giovane innocente ingenuo. Scaricavo per scoprire cose nuove. Ogni volta che qualcosa mi piaceva, andavo al negozio e compravo il CD. Ho scoperto molte canzoni grazie alla rete dei pirati. Casualmente o seguendo consigli. Alla fine, ho comprato qualcosa come 200 CD. Il primo gruppo che ho aggiunto su Audioscrobbler si chiamava "Io compro ancora i CD". Ma oggi me ne rammarico. Oggi chiedo a tutti di non comprare più CD. Neanche uno!

Perché non offrite un buon servizio

Quando ho voglia di scoprire un artista o di un film, vado su The Pirate Bay, faccio una ricerca e clicco. In meno di 10 minuti, ho un film completo sul mio disco. In 20 minuti, ho la discografia completa di un artista.

Pagherei per un tale servizio, se fosse così semplice, così veloce e, a differenza di The Pirate Bay, se potesse avere alcune garanzie sulla qualità. Ma voi non offrite niente di tutto questo. Al contrario, state cercando di costruire recinti e limitazioni. Chiedete un sacco di soldi che possono essere pagati solo tramite carta di credito e non avete neanche la metà della musica che sto cercando. Non siete convenienti e siete più costosi.

Dei CD non voglio più neanche parlarne. Si tratta ormai solo di una grande quantità di rifiuti di plastica, piazzati nel mio salotto. Sono costosi, diventano illeggibili nel corso degli anni e, grazie al DRM, sono illeggibili fin dal primo giorno.

In sintesi,  offrite di meno e ad un prezzo più alto.

Perché non usate bene i miei soldi

Probabilmente ho speso qualcosa come 2000 € per i miei CD. Ai quali aggiungere le tasse su tutti i CD vergini che ho usato per masterizzare ISO Linux. Da quei soldi, quanto è andato agli artisti e ai loro studio? 100 €? 200 €? Tutto il resto è stato probabilmente sprecato in cose di cui non ho bisogno: imballaggio, distribuzione, trasporto, marketing, ...

Le vostre aziende sono tra quelle più ricche. Gli artisti più scaricati vivono in enormi case lussuose. Gli altri sono morti. Non trovate un po' vergognoso sostenere che "i pirati cattivi stanno uccidendo i poveri artisti"?

Mi dispiace, ma non credo che abbiate bisogno del mio denaro. Ho sostenuto artisti piccoli artisti con Flattr, Jamendo, CDBaby o Magnatune. Per tutto il resto, dovrete vivere senza il mio portafoglio.

Perché mi complicate la vita

E' così. Ogni centesimo che vi darò lo userete contro di me. Prima di tutto, rendendo difficile per me usare ciò che compro. DVD abilitati solo per certe nazioni,  DVD criptati che richiedono software illegale per poter essere letti su Linux o DRM per assicurarvi che non li possa utilizzare su CD.

Peggio, userete i miei soldi per farmi causa in tribunale, perché avrei scaricato qualcosa che comunque non volevo comprare! Con gli spiccioli rimasti, pagherete lobbisti per assicurarvi che i governi facciano leggi stupide e pericolose.

Volete che io paghi gli avvocati che mi citino in giudizio e lobbisti che facciano leggi per mandarmi in prigione? Davvero?

Perché state distruggendo la nostra società

Complicarmi la mia non vi era sufficiente. State anche cercando di distruggere uno dei pilastri della nostra società: l'istruzione. Il vostro marketing asfissiante inizia a funzionare, la gente ora crede all'importanza della "proprietà intellettuale" e che "la condivisione è un male".

Maledetti idioti ignoranti.

Grazie a voi, le scuole ora hanno paura di fare lezioni leggendo testi nei quali potrebbero contenere alcuni materiali protetti da copyright. Gli insegnanti temono di essere citati in giudizio. Al punto che fare una lezione più stringata possibile viene considerata meglio che fornire alcuni esempi. Le opere più illustri non fanno più parte dell'istruzione.

Gli stessi insegnanti iniziare a considere le loro lezioni come "materiale protetto da copyright", rifiutando di condividerle con i colleghi. E quando partecipano ai corsi di formazione, offerte dallo Stato e pagato con fondi pubblici, si sente che il materiale della sessione può essere letto, ma deve essere acquistato se gli insegnanti devono utilizzarlo nella loro propria aula.

State distruggendo il simbolo stesso della civiltà: il piacere della conoscenza, la gioia della condivisione, la cooperazione e l'educazione. Non vi perdonerò mai per tutto ciò. Mai. Se agisco adesso, i miei figli avranno più paura di leggere un libro protetto da copyright che rubare in un negozio o colpire qualcuno con un coltello. Questi crimini sono comunque meno puniti dalla legge che condividere una canzone su internet.

Come potete ancora guardarvi specchio? Come potete ancora avere sonni tranquilli?

Perché il vostro tempo è finito

Se sono un pirata, non è per avere un pò di musica a buon mercato. E' perché è giunto il momento di mandarvi a quel paese. Nella vostra arroganza, state colpendo il valore fondamentale della libertà solo per salvare i vostri piccoli interessi meschini.

L'unico conforto è sapere che scomparirete presto. E non mancherete a nessuno.

Piratamente vostro,
Lionel Dricot