giovedì 27 giugno 2013

Le implicazioni geopolitiche del videogioco Ouya

La prima console open source di videogiochi al mondo per il mercato di massa non è destinata a sconvolgere l'industria dei videogiochi nel futuro prossimo. Ma tra 20 anni, rivolterà ogni settore. Questa piccola console a buon mercato sta per avere un effetto profondo su ogni bambino che cresce con essa, e quando saranno in affari e in politica chiederanno perché il resto del mondo non funziona come il buon vecchio piccolo Ouya.
L'Ouya non è il primo pezzo di tecnologia capace di infondere cultura hacker in chiunque ne entri in contatto. Ma è certamente il primo a farlo in un modo così ben progettato e pulito. Il prezzo, il design e l'attenzione per i giochi è ciò che dà a Ouya la possibilità di una grande diffusione. Avrà il più grande effetto sui bambini.

A $99, la Ouya è certamente più attraente per i genitori di quelli dei colossi assurdamente costosi della Microsoft o Sony. In Sud America, Africa e Asia, il prezzo basso lo rende esponenzialmente più accessibile. Anche se i giocatori più vecchi finiscono per guardare da un'altra parte e respingerlo - proprio come i loro genitori hanno fatto per i loro NES - un'intera generazione di bambini sta per crescere giocando gratuitamente o a basso prezzo con i giochi Ouya.

Poi inizieranno a farli. Poi inizieranno ad armeggiare con la console. I ragazzi di ieri hanno tutti giocato a Mario. I bambini di domani saranno saranno degli hacker di Mario.

Ogni educatore sa che i videogiochi sono una droga di passaggio per insegnare ai bambini come programmare. Quella grossa parola "Crea" proprio sulla schermata iniziale di Ouya attirerà i bambini curiosi, creativi dalla massa, anche prima che scuole e campi estivi salteranno inevitabilmente sulla console come strumento didattico. Cresceranno scrivendo codice, condivideranno codice, e parteciperanno alla cultura open source che si sta già sviluppando attorno alla console. Molti di loro proseguiranno pubblicando i loro giochi, e li venderanno a basso prezzo o secondo il modello paga-quanto-vuoi.

Nessuno di loro potrà andare in giro sbattendo la testa perché qualcuno dovrebbe farlo in modo diverso. Perché qualcuno dovrebbe rifiutarsi di condividere il loro codice? Perché qualcuno dovrebber cercare di impedire alla gente di godersi il loro lavoro gratuitamente? Le licenze DRM e il codice proprietario sembreranno bizzarre quanto un nastro Betamax.

Pensateci. Un'intera generazione di ragazzi, educati sui valori dei giochi gratis, open source, e la possibilità di fare quello che vuoi con il tuo hardware. Non tutti cresceranno diventando programmatori. Molti di loro porteranno questi valori nella produzione, nei servizi, nell'agricoltura, nell'energia, e anche nella politica.

Oh, e c'è un'altra cosa che porteranno con loro, qualcosa di particolarmente rilevante per una carriera politica. Essi porteranno con loro l'esperienza della progettazione dei giochi.

Se il mondo fosse un videogioco multplayer on line, i livelli di disuguaglianza sociale ed economico che stiamo vivendo sarebbero da attribuire ad un "equilibrio scadente del gioco". Immaginate un'intera generazione di ragazzi che hanno imparato a risolvere i problemi di bilanciamento del gioco, quando avevano cinque anni. Crescerebbero vedendo il mondo come un grande gioco, che aspetta una patch e che sia bilanciato in modo che sia divertente e giusto per tutti. Questo è quello di cui parleranno quando si candideranno.

Forse Ouya potrà sfondare tra i giocatori "core" più vecchi nel prossimo anno o giù di lì, forse no. Non sono i giocatori di oggi ad essere importanti: sono gli hacker di domani. Se hai acquistato un Ouya e non sei rimasto impressionato, considera di darlo in beneficenza ai bambini invece di venderlo su eBay. Potrebbe ripagarti tra 20 anni.

Il post in inglese sul sito di Falkvinge.net
The Ouya [game console] has geopolitical implications - for your kids